venerdì 5 gennaio 2007

ARRIVA LA BEFANA!


LA BEFANA VIEN DI NOTTE
CON LE SCARPE TUTTE ROTTE
COL CAPPELLO ALLA ROMANA
VIVA VIVA LA BEFANA!

La Befana, (termine che è corruzione d’Epifania) è nell’immaginario collettivo un mitico personaggio con l’aspetto da vecchia che porta doni ai bambini buoni la notte tra il 5 e il 6 gennaio.
La sua origine si perde nella notte dei tempi, discende da tradizioni magiche precristiane e, nella cultura popolare, si fonde con elementi folcloristici e cristiani: la Befana porta i doni in ricordo di quelli offerti a Gesù Bambino dai Magi. L’iconografia è fissa: un gonnellone scuro ed ampio, un grembiule con le tasche, uno scialle, un fazzoletto o un cappellaccio in testa, un paio di ciabatte consunte, il tutto vivacizzato da numerose toppe colorate.
Nella notte tra il 5 e il 6 gennaio, a cavalcioni di una scopa, sotto il peso di un sacco stracolmo di giocattoli, cioccolatini e caramelle (sul cui fondo non manca mai anche una buona dose di cenere e carbone) passa sopra i tetti e calandosi dai camini riempie le calze lasciate appese dai bambini.
Questi, da parte loro, preparano per la buona vecchia, in un piatto, un mandarino o un’arancia e un bicchiere di vino. Il mattino successivo insieme ai regali troveranno il pasto consumato e l’impronta della mano della Befana sulla cenere sparsa nel piatto.
BUONA BEFANA A TUTTI!

2 commenti:

vacanze ha detto...

Ciao 'finestra sull'Italia'! Se vi interessa sapere un po' a proposito della signora Befana, ecco un piccolo testo (di un sito che mi piace molto, pieno di testi, esercizi, fantastico per i professori pigri e senza ispirazione o voglia di lavorare e anche per gli studenti di italiano ...). Ecco il link: http://www.scudit.net/mdbefana.htm

Pilar Codonyer ha detto...

Grazie! Il sito lo conoscevo, ma era da un bel po' che non ci entravo e, quindi, non avevo letto il testo della Befana. Un salutone.